Chiamaci Scrivici
Effettua la tua ricerca

Esecuzioni e aste immobiliari ferme per Covid

17-11-2020
#

Quali soluzioni si possono adottare per sbloccare la situazione?

L’epidemia globale da Covid-19 ha causato un brutto colpo alle esecuzioni immobiliari. Secondo le rilevazioni del Centro Studi AstaSy Analytics di NPLS Re Solutions, sono diminuite del 40% rispetto al 2019. Anche le aste hanno subito una pesante battuta d’arresto, con un danno economico stimato di un miliardo di euro soltanto nel primo mese di lockdown.
 
Secondo Mirko Frigerio, fondatore di NPLS RE Solutions, il problema «è molto serio, soprattutto in prospettiva. Il blocco dell'offerta dovuto alla chiusura dei tribunali, peraltro, si è accompagnato a un distacco di interesse da parte della domanda, con il risultato che il riequilibrio di domanda e offerta in sostanza non c'è stato».
 

Il calo delle esecuzioni e delle aste immobiliari

 
esecuzioni aste immobiliari
 
Il calo del 40% rappresenta una media, ma in alcune città la situazione è stata ancora più drammatica. A Roma e a Milano, infatti, il calo è del 47% e a Napoli del 51%. Ma Lodi e Piacenza fanno anche peggio, rispettivamente con cali del 60,4% e del 76,6%. Questi dati sono dovuti sia all’emergenza sanitaria in corso, sia alle norme emanate dal Governo che hanno bloccato i pignoramenti. Al tempo stesso si sono allungati anche i tempi della giustizia, dilatando i tempi di incasso.
 
Se si considera il mese di settembre 2020, le aste sono state 13.032, circa la metà dello stesso mese nell’anno precedente. Tra luglio e settembre, il numero delle aste è calato del 65% rispetto allo stesso periodo nel 2019; anche il valore complessivo degli immobili all’asta è calato del 62%. In piena crisi, poi, si riduce anche l’interesse a partecipare alle aste e di conseguenza si abbasserà in prospettiva il valore di aggiudicazione del bene.
 
Come venire fuori da questa situazione? Secondo Frigerio, la soluzione è ricorrere alle azioni a tutela del credito, trovando accordi stragiudiziali tra banca e debitore. Con la giusta valutazione dell’immobile e un consulente immobiliare competente, l’operazione potrà essere portata a termine in tempi inferiori rispetto a quelli della giustizia. Per risollevare le sorti delle aste, è necessario puntare su quelle telematiche per le procedure concorsuali e avvalersi delle società proprietarie di beni immobili, per acquistarli, metterli a reddito e poi rivenderli.
 
Fonte: idealista.it/news